Robbie Travers dice che le sue spese legali sono state pagate, ma queste sono tutte le persone che sicuramente non le hanno coperte

Che Film Vedere?
 

Lo studente di legge supponente preferito da tutti, Robbie Travers, ha causato ancora più polemiche su Facebook. Travers ora sostiene che le spese legali causate da un'indagine su una denuncia contro di lui dall'università sono stati coperti.

Ma da chi?

Tutte le parti coinvolte nell'indagine hanno rifiutato di coprire i costi dell'indagine, nonostante Robbie abbia pesantemente insinuato che l'università gli avesse effettuato un pagamento riservato, in base a un accordo NDA.



Naturalmente, i Facebookers si sono rivolti al suo status per chiedere da chi avrebbero potuto essere recuperate le spese legali.

Non proveniva da nessuna pubblicazione mediatica che scriveva su di lui. Buzzfeed e City Mill Edimburgo entrambi pubblicavano pezzi che mostravano che Travers non era mai stato indagato per 'aver preso in giro l'ISIS', mentre il New Statesman ha pubblicato un articolo sostenendo che le affermazioni di Travers sono state ampiamente pubblicate perché si adattavano alle narrazioni dei media di destra.

Un rappresentante di BuzzFeed ha dichiarato: 'Robbie Travers non è stato in contatto dalla pubblicazione del pezzo. BuzzFeed non è a conoscenza di alcuna azione legale.'

Un'altra pubblicazione da scrivere contro di lui era il New Statesman. Lo scrittore Ido Vock ha dichiarato a City Mill: 'Ovviamente non mi ha mai citato in giudizio per il mio articolo né ha recuperato i costi da me'.

Con i media fuori discussione, questo ha lasciato Esme Allman e l'Università di Edimburgo come possibili sostenitori del suo stile di vita da champagne.

Abbiamo contattato Allman per vedere se avesse pagato le sue spese legali e danni.

Un rappresentante di Allman ci ha contattato e ha detto:

'Non abbiamo pagato nulla a Robbie.'

Esme Allman ha poi detto a City Mill: 'Hai tutta la conferma che non ho pagato alcun costo. Nessuno. L'intera faccenda era gratuita».

Ciò ha lasciato l'Università di Edimburgo come l'unica parte rimasta identificabile che avrebbe potuto coprire i costi.

Robbie ha alluso in tutti i commenti che potrebbe essere l'università, ma che doveva tacere come parte di un accordo di non divulgazione.

Un portavoce dell'Università di Edimburgo ha confutato questa affermazione, affermando:

'Abbiamo un processo trasparente e consolidato per indagare sulle accuse di cattiva condotta da parte degli studenti. Non abbiamo pagato alcun costo sostenuto dalle parti coinvolte in questo caso.'

Quelli su Facebook, frustrati dalle affermazioni di Robbie secondo cui aveva recuperato i costi e li avrebbe investiti in abiti di Saville Row e champagne costosi, erano espliciti su ciò che Robbie aveva da dire.

City Mill si è messo in contatto con Robbie e lui afferma che esiste un NDA (accordo di non divulgazione) e si è quindi rifiutato di commentare la questione.

Quindi City Mill, New Statesman, Buzzfeed, l'Università di Edimburgo e Esme Allman non hanno coperto le spese legali di Travers, anche se è stato implicito che sono state coperte da una delle parti nella 'derivante indagine dell'ISIS'.

Alcuni hanno suggerito che Robbie potrebbe aver ricevuto finanziamenti da un donatore di terze parti ma, ovviamente, questa è solo una speculazione.